Il mondo può sembrare caotico, ma la felicità è dietro l’angolo

Come accade a tutti quelli che, stanchi di non riuscire a trovare un senso in ciò che fanno, decidono di dare una svolta alla propria vita, anche a me è successo qualcosa di simile. Sono arrivato da circa un mese qui a Râmnicu Vâlcea e quando la mia amica volontaria mi ha chiesto se volessi scrivere qualcosa di mio su questo blog, mi sono sentito piuttosto agitato. Non ne capivo il motivo e inizialmente pensavo fosse perché tendo a bisticciare con l’italiano, poi, riflettendoci meglio, ho scoperto il perché di tanta insicurezza. Non mi sentivo pronto perché temevo di risvegliare quelle emozioni tanto contrastanti che avevo provato a casa diversi mesi fa, quando, desideroso di trovare una maggiore stabilità, leggevo con tanto interesse le esperienze di volontariato. Queste riflessioni tanto belle sull’importanza degli interventi umanitari e su come cambiare la propria vita, migliorando quella degli altri per me rimanevano un’enigma: se da un lato queste letture mi aiutavano, facendomi pensare alle tante belle persone che si mettono in gioco per conoscere e imparare a conoscersi, dall’altro, preso dall’ansia di non poter sentirmi in qualche modo utile al prossimo mi scoraggiavano. Ora scrivo con piacere che queste preoccupazioni le sento diventare sempre più piccole. In particolare, il merito di questa mia piccola grande vittoria lo devo ai bambini della casa-famiglia di Copacelu i quali provengono tutti da situazioni di fragilità per scarsità di risorse economiche, dei genitori o per abbandono ma, nonostante ciò, hanno una tale energia da farmi sentire in colpa per tutte quelle volte in cui non sono stato in grado di vivere serenamente. È una forza speciale e contagiosa la loro, un’energia alla quale non si può rimanere indifferenti. Anche i bambini dell’asilo, con la loro innocente curiosità mi stanno dando tanto calore e tanta voglia di continuare a fare quello che sto facendo.

Non so dove mi porterà questa esperienza…so però di aver preso la decisione giusta perché il contatto con le persone con le quali condivido le stesse esperienze mi aiuterà a crescere dal punto di vista umano e personale.

Marco B. – Sve a Vâlcea

 

A Bucarest è di nuovo primavera

E’ già metà aprile, 11 mesi a Bucarest, quasi un anno di intrecciarsi di dita tra BiR e Carusel. Riconosco piano piano il paesaggio di quando sono atterrata l’anno scorso, il tepore e le fioriture delicate si fanno spazio tra le affollate strade di Bucarest.

Ripenso all’entusiasmo dei primi giorni che tanto mi aiutò a superare gli ostacoli degli improvvisi cambiamenti; ripenso alle prime persone incontrate, alle prime strette di mano, agli sguardi di curiosità. Ora invece osservo come e quanto si siano trasformate le relazioni con i membri dell’equipe, con i beneficiari e con le altre persone incontrate durante questo cammino.

Ricordo poi i momenti di stanchezza per giornate spesso troppo lunghe e per occhi troppo imploranti e sofferenti, la confusione del non avere mai la sicurezza di imboccare il sentiero migliore ad ogni bivio e, a volte, l’impotenza del non poter tornare indietro di qualche passo.

E così, inghiottita in un vortice di emozioni, sì è sempre fatta strada la volontà di prolungare qui la mia permanenza e continuare a tracciare, talvolta con incertezza e talvolta con disinvoltura, il mio sentierino in questa terra di contraddizioni.

Mi trovo ora a misurare le mie forze, a valutare quanto abbia scoperto e imparato, quanto abbia preso coscienza delle mie possibilità e dei miei limiti. Il tutto prende una forma sempre più definita come la plastilina tra le mani dei bambini del centro di Obor, le forme si modellano, i colori si accostano e si mischiano nel formare qualcosa di bello, soddisfacente, sempre in movimento e ricco di significati.

Da un mese eccomi nella cornice del progetto SVE che , in qualche modo, mi riporta l’entusiasmo e la curiosità dell’inizio di qualcosa di nuovo. Certo, il cammino è sempre lo stesso, ma forse con delle scarpe diverse e una compagna di avventura in più con la quale condividere i pensieri di ogni giornata e lanciarsi con divertimento.

Le attività proseguono e mi sento sempre più inclusa e coinvolta. A Caracuda (centro di riduzione del rischio per tossicodipendenti) trovo la mia dimensione e, con l’arrivo della bella stagione, è bello ritornare a chiacchierare ed ascoltare sistemando le sedie al sole. Al centro comunitario di Obor i bimbi sono sempre più numerosi e ci offrono quotidianamente soddisfazioni e sfide. I più piccoli ci divertono con la loro curiosità e ingenuità, i più grandi sanno sempre come strapparci un sorriso con le loro contraddizioni dovute ad un momento di crescita e cambiamenti improvvisi, alla scoperta di un corpo che si evolve ma che ancora ricerca il divertimento di un bambino.

Quindi si continua, si prosegue in questo percorso con curiosità, un pizzico di ambizione e talvolta con la voglia di fermare alcuni momenti per poterseli gustare di più o per avere l’occasione di comprendere meglio quello che succede.

 

 

Beatrice, volontaria SVE a Bucarest

 

 

E chi l’ha detto che Bucarest è grigia?

E’ già volato un mese dal mio arrivo a Bucarest e queste prime settimane sono state gremite di storie avvincenti e volti nuovi, occhietti ridenti e curiosi, odori inebrianti e pungenti e nuove interessanti prospettive.

Mi trovo qui per fare lo SVE (Servizio Volontario Europeo), un progetto di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma Erasmus+ che unisce varie associazioni operanti sul territorio europeo da legami di amicizia. Nel mio caso le due associazioni in questione sono Bir (Bambini in Romania) e Carusel, rispettivamente sending e hosting organisation. Il legame tra Bir e Carusel è un legame recente ma non per questo fragile. Esso si nutre di una bella energia che nasce da un’affinità di prospettive e getta le fondamenta sul terreno del rispetto effettivo dei diritti umani, con particolare attenzione alle persone che vivono in condizioni di fragilità economica e a rischio di marginalità ed esclusione sociale, in una cornice di trasparenza che contraddistingue l’operato di chi ci lavora all’interno.

Sia a Bir che a Carusel si respira aria di casa perché quando vieni accolto ti senti subito parte di una grande famiglia, unita nel raggiungimento di uno scopo comune.

Carusel è un’organizzazione giovane la cui missione è la creazione di un ambiente sociale attivo e proattivo con particolare riguardo alla promozione dei diritti dell’uomo e del loro effettivo rispetto. Essa opera tra i settori della popolazione maggiormente a rischio, tra i consumatori di alcool e droga, tra coloro che praticano la prostituzione, tra le persone di strada e tra coloro che vivono in situazioni di povertà estrema che rischiano l’esclusione sociale. E fa tutto questo con una grande passione e un’energia inestinguibile, motivata da una grande convinzione per il rispetto dei diritti di ogni essere umano, indipendentemente dallo status sociale e dall’orientamento religioso, politico e sessuale.

In queste prime settimane ho passato gran parte del mio tempo al centro comunitario di Obor, uno spazio destinato prevalentemente ad attività di educazione non formale per bambini di età compresa tra i 5 e i 13 anni che provengono da situazioni di fragilità dovuta alla scarsità di risorse economiche dei genitori e alla debolezza sociale del nucleo familiare e che per questo sono quindi esclusi dai circuiti tradizionali di educazione formale.

In Romania l’abbandono scolastico è un fenomeno tristemente molto diffuso e colpisce soprattutto le comunità di etnia rom rispetto al resto della popolazione. Secondo uno studio condotto dall’UNICEF, in collaborazione con il governo rumeno, le cause principali sono da ricollegare alla povertà e alla limitata istruzione dei genitori. Inoltre, la comunità Rom è particolarmente vulnerabile alla discriminazione e svantaggiata nei numerosi aspetti della vita quotidiana: essa resta ancora vittima di stereotipi difficili da sradicare e di pregiudizi che si riflettono nei comportamenti sociali, nelle rappresentazioni fornite dai media e nelle posizioni assunte da singoli individui o parti politiche e istituzionali. La maggior parte dei Rom vive sotto la soglia di povertà e ha grandi difficoltà, aumentate a dismisura nella fase di transizione socio-economica seguita al crollo dell’URSS, a integrarsi nelle strutture e nel tessuto sociale: il tasso di analfabetismo è ancora molto elevato (anche per lo scarsissimo valore che le famiglie attribuiscono all’educazione e all’istruzione come mezzi di promozione dello sviluppo sociale ed economico della comunità).

Durante questo primo mese di esperienza, questi dati hanno assunto dei volti e sono diventati storie tangibili. I nomi dei bimbi del centro, assieme ai loro sorrisi e ai loro capricci ormai sono parte della mia quotidianità e stanno riempiendo di contenuto la scelta che ho fatto.  Mi piace lavorare con loro perché riescono a travolgermi con la loro inarrestabile energia sgangherata e ogni giorno, chiudendo dietro di me la porta del centro, porto a casa delle piccole soddisfazioni.

La presenza di Carusel nelle vite di queste bimbi è essenziale, non solo per la qualità del tempo e l’attenzione che cerchiamo di offrire a ciascun bambino mediante lo svolgimento di varie attività educative, ma soprattutto perché l’azione mira a realizzare obiettivi di lungo periodo e, a seconda delle peculiarità di ciascun caso, punta al loro inserimento nel sistema di educazione formale e alla loro integrazione nel tessuto sociale. Per realizzare degli obiettivi così importanti, l’azione di Carusel non si estingue nel lavoro che facciamo con i bambini al centro diurno, ma prosegue nelle loro case e all’interno dei loro nuclei familiari, per meglio comprendere i loro problemi e le loro esigenze e per cercare di creare un ambiente favorevole al miglioramento complessivo delle condizioni di vita.

Sono proprio contenta di essere parte di questo bel progetto e di condividere con Carusel dei valori importanti, primo tra tutti, il rispetto per la dignità di ogni essere umano.

Claudia Husdup, volontaria Sve a Bucarest.

SBI(r)LANCIAMOCI

Ciao a tutti!

Lo scorso finesettimana siamo stati a Milano per il week-end di formazione di BiR con altri 130 volontari, la maggior parte dei quali partirà quest’estate per campi estivi di 10 giorni/2 settimane in Romania o Repubblica di Moldova. Abbiamo visto tanti bei sorrisi, parlato, giocato, abbracciato, rappato, fotografato, cantato, bansato.

10575158_902853356448626_1419387129248073712_o

Manca poco alla fine delle scuole e quindi anche delle nostre “normali” attività all’asilo, alla scuola primaria, alle case del sorriso, agli appartamenti sociali ed in biblioteca: quest’estate anche noi ci uniremo ai volontari BiR, prendendo parte a due campi a testa.

Ormai mancano solo tre mesi alla fine della nostra esperienza e vogliamo dare uno sguardo ai mesi passati pubblicando delle riflessioni che abbiamo scritto qualche mese fa per il Bilancio Sociale di quest’anno di Bambini in Romania, che uscirà a breve. Eccole qui:

SAMSUNG

Sono Alice, ho 22 anni e questo è il terzo anno che vivo all’estero. E’ il primo però che passo tutto all’insegna del volontariato. Mi sono avvicinata per la prima volta al volontariato internazionale nell’estate del mio primo anno di università. Volevo esplorare un nuovo angolo di mondo e non farlo nel solito modo. Così mi sono ritrovata in Albania. Imperterrita ci sono tornata, per poi andare in Kenya, in Moldova ed infine qui: Râmnicu Vâlcea, Romania.

La decisione di partire è arrivata un po’ all’improvviso. A un passo dalla laurea in psicologia, mi sono accorta che avevo bisogno di muovermi di nuovo, e forse le mie brevi esperienze di volontariato mi avevano lasciato più di quanto mi rendessi conto.

Poco dopo, arrivo a Vâlcea, una cittadina nel Sud della Romania che non saprei neanche come descrivere. A prima vista non c’è granchè, ma col passare del tempo ti rendi conto che tra i palazzoni grigi ci sono anche gli incontri, le chiacchiere con i vicini, gli autisti e i passanti, il vociare del mercato, i calesse per le strade al limitare della città, le donne con le gonnone e il fazzoletto in testa, le ragazzine scosciate con zero gradi, gli orticelli urbani curati con amore, i bambini che si rincorrono tra i bloc.

Per noi però Vâlcea è anche e soprattutto le Case del Sorriso, l’allegria dei bambini quando ti corrono incontro al tuo arrivo, il rapporto con le educatrici, fatto di qualche incomprensione e di qualche risata esasperata nei momenti di delirio più totale, l’atteggiamento sostenuto dei ragazzini più grandi, minato da un improvviso abbraccio e da domande curiose, le infinite ore di programmazione mandate all’aria in un secondo dall’ennesimo imprevisto, i capricci disperati dei bambini e i pupici (bacetti) dati col naso smoccolante. E’ stata la frustrazione di capire solo una parola qua e là e dei goffi tentativi di comunicazione iniziale, ma è diventata anche la soddisfazione del sentirsi dire :“Davvero sei qui solo da ottobre? Sai bene il romeno!”.

Finora, il momento più bello della mia esperienza si ripete ogni giorno che sento di aver connesso davvero con i bambini, che mi rendo conto di quanto sia io che loro ci siamo divertiti ed abbiamo apprezzato il tempo trascorso insieme. È quando i bambini tornano indietro di corsa per darti un abbraccio alla fine dell’attività o senti i più grandicelli discutere intenti e fieri di quello che avete fatto insieme.

Soprattutto all’inizio, però, non sono mancati neanche i momenti di frustrazione, vuoi per le difficoltà di comunicazione e la mancanza di una via definita da seguire. Porta a qualcosa il mio tempo trascorso qui? Ha senso che io mi faccia in quattro quando certi giorni tutto sembra azzerarsi e tornare un caos? Mi sto impegnando nella direzione corretta? Inoltre, per una come me, Vâlcea, come forse qualsiasi altro posto, può diventare improvvisamente troppo stretta. Allora non rimane che alzare un po’ lo sguardo nel resto della Romania, variegata e tutta da esplorare, ma dopo qualche giorno, quando ci rimetti piede, ti rendi conto che Vâlcea ormai è diventata anche casa. E nel sorriso che senti allargarsi sul tuo volto e vedi su quello dei bambini potrebbe esserci la risposta ai tuoi dubbi.


11303423_10206825379899250_1102600637_n (1)

30/06/2014 ore 16:54, in quell’istante cominciava il mio SVE e ancora non lo sapevo.

Mi chiamo Angela ho 29 anni e fare domanda per questo progetto credo sia stata una delle migliori decisioni che potessi prendere nella mia vita!

Era un po’ che cercavo di partire per un anno di volontariato, avevo la necessità di continuare quello che avevo cominciato a fare avvicinandomi alla clownterapia: tornare a casa più pieni a volte più vuoti, ma alla fine continuare a vedere, nonostante tutto, il bicchiere mezzo pieno!

Ho conosciuto BiR così per caso e dopo aver letto il progetto ho subito pensato: “E’ lui!”

Quindi eccomi qui in Romania, un posto che più passano i giorni e più somiglia a casa mia e non solo perché ormai tornare a Vâlcea dopo un viaggio significa casa, camminare per strada e sentirsi salutare, ricambiare il saluto di un autista che passa e strombazza perché ti ha riconosciuta, riconoscere una signora alla fermata dell’autobus dalla cerniera sulla gonna ricucita mille e mille volte, avere la sensazione che la gente non stia parlando romeno ma italiano; ma anche perché Vâlcea alcuni giorni mi pare davvero Puglia. Il modo di fare della gente, il chicchiericcio sempre a volumi notevoli, le signore con il fazzoletto in testa sporche di terra, la gente che in primavera spianta, sterra, pota e poi il romeno che dopo 5 mesi ancora non smette di sorprendermi, modi di dire e parole quasi uguali al mio dialetto che ogni volta mi lasciano sempre molto divertita!

Dalle mie parole sembrerebbe tutto cosi bello e semplice, all’inizio però non e’ stato proprio così.

Arrivare qui ed essere  bonariamente assaltati da una valanga di bambini in cerca anche di un solo abbraccio, destreggiarsi in tutti i modi possibili e immaginabili per cercare di tenere su non una conversazione, ma una semplice frase, capire determinati meccanismi, le differenze di pensiero, di lavoro, di vita, trovare un qualsiasi modo per entrare in contatto con i bambini, coordinarsi con il resto dell’equipe, coordinarci tra noi, insomma trovare la giusta frequenza in questa nuova realtà, ci ha dato il suo bel da fare!

Ci sono stati giorni in cui tornavo a casa e mi sentivo realmente inutile, impotente, con la reale sensazione di non essere riuscita a concludere nulla, poi però  riflettendoci su mi rendevo conto che il pensiero di lasciar tutto non mi sfiorava minimamente e che quindi, forse, qualcosa c’era, semplicemente non era stata una buona giornata.

Altri giorni in cui, invece, la felicità  tocca le stelle; sentire dai miei compagni di viaggio che durante il pranzo i bambini mettevano in pratica alcune delle cose imparate durante le mie attività, mi rende non solo soddisfatta ma mi fa capire che lentamente qualcosa si sta creando, sta cambiando ed é proprio con questo spirito che cercherò di proseguire in questi mesi, la salita forse é   finita, ma la discesa va presa ugualmente “încet încet” (lentamente) e con un grande sorrisone sulle labbra, anche quando ti pare di vedere tutto nero o tutto bianco, sotto sotto il grigio c’è  e prima o poi verrà fuori!


DCIM101GOPRO

Sono Giordano un ragazzo di 24 anni che ha sempre avuto il pallino per la recitazione, tanto da trascurare gli studi.

Due anni fa la carriera d’attore ha cominciato a parermi sterile e attorcigliata su sè stessa, avevo bisogno di occasioni per aprirmi ed essere d’aiuto agli altri ed in questo momento di sconforto un amico mi consigliò di provare a partire con BiR, associazione di cui non sapevo niente e di cui continuai a non capire molto fino all’arrivo in Romania. Il consiglio si rivelò giusto: vidi una piccola parte di quello che era la vita in un istituto, un’istituzione di cui non credevo possibile l’esistenza nel 2000, in Europa, e che non saprei descrivere a parole; ma vidi anche quello che erano in grado di donare i bimbi e i ragazzi cresciuti lì dopo aver ricevuto quel poco di amore e di attenzioni che si potevano dare in un intervento di due settimane

Dopo queste esperienza il mio percorso di attore mi risultò ancora più futile e chiuso, avevo bisogno di occasioni per crescere come persona e per dare una mano dove mi era possibile; l’opportunità migliore per partire sembrava essere un progetto sve e quando sentii che BiR ne voleva iniziare uno, beh, provai a ripartire con loro.

E ora sono qui! In Romania da sei mesi! In una città di cui non sapevo neanche pronunciare il nome! Adesso va molto meglio con la lingua anzi, ci sono quei momenti magici dove passo a parlare dall’italiano al romeno senza nemmeno accorgermene e in cui afferro conversazioni tra la gente del luogo senza neanche rendermene conto. A confronto quando sono arrivato tutto era una sfida: dal capire cosa stavi comprando al supermercato al prendere l’autobus giusto per la tua meta. Ma decisamente più duro è stato trovare una propria dimensione lavorativa; quando siamo arrivati eravamo visti dalla maggior parte dei lavoratori IPI come esperti in ogni campo dell’educazione dell’infanzia di cui, però, non si sapeva l’obiettivo dentro ai progetti e problema non da meno l’obiettivo non era chiaro nemmeno a noi. Coi mesi abbiamo potuto scoprire diverse realtà dove poter intervenire, abbiamo potuto capire grossomodo di cosa avevano bisogno e ancora più importante cosa potevamo offrire noi. Alcune sono state accantonate, altre ci hanno preso in una maniera che non pensavamo e altre ancora continuano a spuntare di tanto in tanto chiedendoci di collaborare. Non che ora sia tutto rose e fiori, eh? A volte torno a casa sfiancato chiedendomi cosa stia sbagliando nell’approccio con quel bambino o quel gruppo particolare, se il mio comportamento con qualcuno non stia risultando dannoso piuttosto che d’aiuto e non c’è giorno in cui non mi chieda se possa migliorare quello che faccio e in che modo.  Ma è una gioia vedere questi bambini e ragazzi felici di stare con te e prendere le attività che gli proponi facendole proprie, è ancor più una gioia vederli collaborare spontaneamente, vedere quel soggetto in particolare che credevi non ti ascoltasse fare un gesto di dolcezza inaspettato o chiedere di rifare quel gioco che nemmeno tu ti ricordavi. Ancora più bello è quando li vedi autonomi, bisognosi solo di una spinta, di una piccola direzione o un incoraggiamento che gli puoi dare. Perchè un traguardo sarebbe questo, fargli capire che da soli ce la possono fare, che sono fortissimi, più di me, che devono stare in compagnia solo perchè è bello avere qualcuno con cui condividere i momenti, belli o brutti che siano e perchè darsi una mano è piacevole e rende la vita migliore a tutti. Sì, sarebbe un gran traguardo, purtroppo per ora mi tocca continuare a lavorare, accidenti.

Alla prossima!

Keep on reading for the English version! Continua a leggere

Fii voluntar… fii la moda!

Nelle ultime settimane, abbiamo cominciato anche ad “uscire” un po’ dai centri di Ocnele e Copacelu per incontrare altre realtà di Valcea e dintorni. Tra le altre cose, abbiamo avuto l’opportunità di conoscere una classe della scuola Mircea cel Batran.

10859567_4865282487846_1694799835_n

Nonostante fossimo rimasti last-minute senza video e presentazione power-point, nonostante il nostro rumeno stentato… è stato un successo! Abbiamo raccontato ai bambini cos’è per noi il volontariato, le nostre esperienze passate e presenti, da dove veniamo e cosa stiamo facendo qui. In cambio, abbiamo ricevuto domande su di noi sull’Italia, molti racconti e moltissime idee per mettersi in gioco e partecipare!

10841602_4865282567848_675410774_n

Abbiamo poi incontrato di nuovo alcuni di questi bambini che, insieme ad altri, si sono riuniti nel club di volontariato “IMPACT”, formando un gruppo davvero numeroso, coordinato dalle insegnanti Mirela e Malina. Abbiamo assistito alla loro riunione e – sorpresa! – abbiamo giocato con loro, prendendo parte sia a giochi di conoscenza che di team-building.

20141207_161411

Da entrambi questi incontri, siamo rimasti colpiti dall’entusiasmo dei bambini e di chi li accompagna, e siamo convinti che col tempo questo gruppo riuscirà a dare vita a diverse iniziative arricchenti sia per la comunità di Valcea, sia per i stessi bambini e ragazzini che vi prendono parte, imparando a valorizzare la potenzialità positiva delle proprie azioni sugli altri, sia come singoli che come gruppo.

IMG-20141211-WA0007

Intanto, il club IMPACT si sta già dando da fare, organizzando la magnifica idea dell’Autobuzul Mosului, con l’associazione “Initiative” e ad altri collaboratori provenienti da diverse realtà sparse per Ramnicu Valcea. Insieme, stanno raccogliendo ed impacchettando giocattoli, beni alimentari a lungo consumo, libri e capi di abbigliamento, da consegnare ai bambini in giro per la città che incontreranno l’Autobus di Babbo Natale il 22 dicembre!

10430478_318736108313124_7655047377689284916_n

Intanto anche noi ci stiamo dando da fare per il Natale, alla scuola di Ocnele Mari, ai centri e agli appartamenti sociali. La prossima domenica ci aspetta lo spettacolo di Craciun di IpI! Nei prossimi aggiornamenti, vi racconteremo come è andata e che cosa abbiamo combinato questo mese in attesa di questa festa finale, tra canti, decorazioni, scenette, feste e alberi di Natale!

Keep on reading for the English version! Continua a leggere

Apprendimento non formale, orso e Palinca

La scorsa settimana non abbiamo visto i progetti.
E non perchè abbiamo bigiato, marinato o fatto sega ma per l’on-arrival training: una formazione di cinque giorni che ogni mese l’agenzia nazionale del paese ospitante organizza e a cui possono possono iscriversi tutti i volontari appena arrivati.
Quindi domenica mattina abbiamo affrontato un viaggio in autobus di otto ore per arrivare all’hotel Eden di Predeal (una specie di Cortina d’Ampezzo romena) dove altri 70 volontari da tutta la Romania erano confluiti per l’on-arrival training.

Cecadno Predeal su google immagini

Cercando Predeal su google immagini

Eravamo circa 16 nazionalità diverse -fra cui alcune extra-europee- riunite nello stesso edificio che comunicavano con le rispettive inflessioni, costruendo involontariamente calembour e nuove regole grammaticali.
Quindi per una settimana non abbiamo fatto nè teatro nè lis ma tanto inglese e -sorpresa- anche tanti giochi.
I formatori usavano infatti “metodi di apprendimento non-formali”, una frase che sembra essere il mantra di presentazione di ogni progetto evs in Romania.

I volontari di ogni progetto sono stati divisi in diversi gruppi che poi hanno affrontato in maniera diversa gli stessi temi: funzionamento generale di un progetto evs, conoscenza basilare della Romania e tutto ciò che riguarda il volontario:burocrazia, problematiche, obiettivi nel progetto e obiettivi dopo il progetto.
È stato un ottimo momento di confronto tra progetti e volontari diversi per capire i limiti e i pregi del proprio evs, e per ragionare sulle possibilità che ci aprono questi undici mesi all’estero.
Inoltre ora abbiamo le idee più chiare e un numero maggiore di strumenti per migliorare il progetto della nostra organizzazione anche in vista degli evs futuri.Magari aiuta anche voi Per concludere è stata anche l’occasione per conoscere tante persone dai percorsi più disparati e disperati, ci sarebbero da aprire tante parentesi ma non voglio dilungarmi inutilmente.

Un altro degli obiettivi della settimana è stato far conoscere volontari diversi tra loro e favorire lo scambio di idee (e di posti divano, così tutti potranno viaggiare per la Romania senza svenarsi).

La migliore maniera per farlo è: festeggiare e cazzeggiare come si fa tra amici, un metodo di comunicazione che travalica il linguaggio verbale ed è utilizzabile anche da chi parla poco o niente inglese.

Abbiamo conosciuto tante persone interessantissime a Predeal, formatori compresi, e finiti i cinque giorni è stato brutto doverli salutare e riprendere il proprio percorso senza di loro. Ora però abbiamo nuove persone a cui chiedere aiuto, con cui chiacchierare o con cui passare un week-end.

Dopo questa settimana consiglio a tutti: se ne avete la possibilità, fate un evs e partecipate all’on-arrival training, vi aiuterà a chiarire le idee su tante cose.

A tutti gli amici conosciuti o sconosciuti a Predeal: Drum Bun!
E non eravamo nemmeno tuttiKeep reading for the English version! Continua a leggere

Everything you wanted to know about EVS *

* But were afraid to ask

SVE… Saltellatori Veneziani Egregi? Severamente Vanesi Elefanti? Sardonici Versi Emblematici? Di che state parlando?!

SVE sta per Servizio Volontario Europeo. E’ uno dei progetti per la mobilità dell’Unione Europea, inserito all’interno del programma Erasmus+. Insieme alle altre iniziative per la mobilità individuale a fini di apprendimento, rientra all’interno dell’Attività chiave 1 del programma.

EVS… Enthusiastic Vanilla Sniffers? Erratic Vampire Show? Edible Vulcanic Snowballs? What are you talking about?!

EVS stands for European Voluntary Service. It’s one of the European Union’s projects for mobility, inside the Erasmus+ programme. It is comprehended in the Key action 1 of the programme among the other initiative for individual mobility with learning purposes.

Interessante! Ma come funziona?

Un progetto SVE consiste in un partenariato tra due o più organizzazioni promotrici, responsabili del reclutamento dei volontari per il loro progetto. I volontari partecipano allo SVE attraverso un’organizzazione d’invio nel paese in cui vivono e un’organizzazione di accoglienza che li riceve e li ospita per tutta la durata del servizio. Per esempio, la nostra organizzazione di invio è Bambini in Romania, Onlus di Milano attiva in Romania e nella Repubblica di Moldova, mentre la nostra organizzazione di accoglienza è la fondazione rumena Inima pentru Inima.

Interesting! But how does it work?

An EVS project consists of a partnership between two or more promoting organisations, responsible for the recruitment of the volunteers who will take part in their project. The volunteers take part in the EVS through a Sending Organisation in the country they live in, then a Hosting Organisation receives and hosts them throughout the service duration. For example, our Sending Organisation is Bambini in Romania Onlus, association based in Milan and active in Romania and Republic of Moldova, while our Hosting Organisation is the Rumanian foundation Inima Pentru Inima.

E poi? Cosa vado a fare in un altro Paese?

Si lavora come volontario in diversi settori possibili: cultura, gioventù, sport, infanzia, patrimonio culturale, arte, benessere degli animali, ambiente e cooperazione allo sviluppo… ce n’è per tutti i gusti! Noi stiamo partecipando al progetto sociale “GROW UP TOGETHER”, rivolto in primo luogo all’infanzia, ma anche alla promozione del volontariato tra i giovani romeni.

Oltre a questo obiettivo principale però, lo SVE è anche un’occasione di incontro e conoscenza di un altro Paese ed un’altra cultura!

And then? What can I do in another country?

You can work as a volunteer in a variety of possible sectors: culture, youth, sport, childhood, cultural heritage, animal wellbeing, environment, and development cooperation… there’s something for everyone! We are taking part in the social project “GROW UP TOGETHER”, aimed first of all at childhood, but also at promotion of volunteering among Rumanian youth.

Other than this main objective though, EVS is also a change of meeting encounter and knowledge of another country and another culture!

Mi piacerebbe fare qualcosa del genere, ma non ho tempo/soldi…

Non preoccuparti. Un progetto SVE può durare da un minimo di 2 settimane fino a un massimo di 12 mesi. E, in caso per ora non avessi molto tempo e prendessi parte ad un progetto di breve durata (fino a 2 mesi), avresti l’occasione di partecipare di nuovo allo SVE, per una durata complessiva di massimo un anno.

Per quanto riguarda il vile denaro, lo SVE non è di certo un programma di sfruttamento e prevede il rimborso di gran parte delle spese del volontario oltre a prevedere un piccolo pocket money mensile, commensurato alle spese di vita del Paese ospitante. I partecipanti hanno infatti diritto a: 90% minimo del viaggio di andata e di ritorno dal proprio Paese a quello ospitante, vitto e alloggio, spostamenti interni per le attività. Inoltre è previsto un corso di lingua.

I would like to do something like this, but I have no time/money…

No worries. An EVS project lasts from a minimum of 2 weeks until a maximum of 12 months. And, in case you couldn’t leave for long and took part in a short-time project (2 months max.), you would have the chance to enroll again in the EVS, for a total duration of 1 year.

Speaking about money, EVS surely isn’t an exploitation programme, as it covers most of the volunteer’s expenses and provides a small monthly pocket money, according to the average life cost of the hosting country. Participants have indeed right to : 90% refund of the travel at the start and end of the project, board and lodging, internal transfers for the activities. A language course is also offered. 

Mi hai convinto! Come posso trovare il progetto che fa per me? Come faccio domanda?

Puoi contattare un’organizzazione per discutere dell’avvio di un progetto o fare domanda ad un’organizzazione per un progetto già approvato. Qui il database di tutte le organizzazioni accreditate, inoltre diversi siti e pagine Facebook pubblicano periodicamente i progetti in cerca di volontari.

Per fare domanda, è sufficiente avere tra i 17 e i 30 anni di età, buono spirito di adattamento e voglia di mettersi in gioco. La conoscenza della lingua locale non costituisce inoltre criterio di selezione preferenziale. Ovviamente, noi siamo stati selezionati in base alla nostra avvenenza, ma, in linea di massima, neanche questo è un criterio vincolante per lo SVE.

Solitamente, bisogna inviare all’organizzazione promotrice il proprio curriculum e lettera di motivazione, per poi svolgere un colloquio dal vivo o via skype.

I’m in! Where can I find the right project for me? How do I apply?

You can contact an organisation to propose a project, or apply for an already approved project. Click here for the database of the accredited organisations. Also, many web-sites and Facebook pages regularly post announcements regarding projects and organisations searching for volunteers.

To apply, you only have to be between 17 and 30 years of age, have a good ability to adapt, and be willing to take on new challenges. Knowledge of the local language isn’t a preferential criterion for selection. Obviously, we’ve been selected for our attractiveness, but usually attractiveness isn’t a criterion either.

Generally, you have to send your application to the promoting organisation with your cv and a motivation letter, then you’ll be contacted for a face-to-face or Skype interview.

Bene! Ma una volta terminato cosa mi resta?

Oltre a tanti ricordi ed una grande esperienza, lo SVE prevede anche uno strumento di valutazione riconosciuto, il certificato YouthPass, che attesta la vostra partecipazione, descrive il vostro progetto, le competenze e le abilità che avete acquisito, cosa avete fatto e così via.

Great! But what do I have left when it’s over?

Other than many memories and a valuable experience, EVS includes also a recognised evaluation tool, the YouthPass certificate, which attests your participation, describes the project, the competences and abilities you acquired, your activities, and so on.

Animal rhapsody

Quattro giorni a Ocnele Mari!

È la seconda settimana da soli e stiamo sperimentando una rotazione a turni che prevede per il lunedì un solo volontario nel centro di Ocnele che tenta singolarmente di tenere assieme in attività una trentina di bambini che vanno dai 6 ai 14 anni, che vogliono giocare chii fuori e chi dentro e che a turno si assentano per andare a fare i compiti scolastici. La giornata, ça va sans dire, non va come programmato -e il programma era gioco libero-

Il giorno dopo si torna in coppia portando le canzoni e i giochi d’inglese già preparati per Copacelu ed è un gran successo. Pur con lo stesso problema del continuo viavai di ragazzi l’inglese prende: di ogni canzone è richiesto un bis e al momento di disegnare tutti sono presi benissimo.
DIS2

C’è chi impiega tutto il tempo per fare una famiglia d’anatre con tutta la flora di contorno, chi impiega lo stesso tempo per fare tre delfini minimalisti, chi si dedica alla colorazione di un’affascinante farfalla e chi non si ferma al primo disegno.
In molti si divertono a disegnare il variopinto mondo marino e in generale è un momento di scoperta e rafforzamento linguistico.

In particolare per chi disegna la famiglia di coniglietti declinandola alla romena “bunnyyy”. Una volta dettogli che si scrive “bunnies” comincia da sola ad applicare la regola della “s” sulle altre parole.
Ma il migliore della giornata è qualcun altro:
DIZIONARIO
Un ragazzino che disegna ogni animale gli si sia insegnato. Non fosse stato per la limitatezza linguistica dei precedenti giochi ora potremmo avere un intero dizionario zoologico.

Il giorno dopo è il momento del teatro. Consci dell’andirivieni si fa prima laboratorio coi piccolini, mischiandolo ad altri giochi e si ripete con tutti gli altri quando hanno finito i compiti.

Naturalmente ogni esercizio inizia lentamente per via delle indicazioni in romeno stentato e si finisce in caciara perchè fanno loro il gioco.

Indispensabile l’aiuto di Claudia e Katy per tradurre gli esercizi in romeno.
Quando a spiegare sono i volontari le reazioni dei ragazzi sono: guardarsi straniti, ridere, imitare la terribile pronuncia italiana e ridere ancora.

L’ultimo giorno laboratorio pratico: origami!
Gli origami sono perfetti per Ocnele: ognuno può entrare e uscire dall’attività quando vuole, ci sono origami per chi è più piccolino, origami per chi vuole cose più complesse e una volta imparato si può fare gli splendidi spiegandoli agli altri.
Anche i ragazzi più irrequieti si fermano per piegare almeno un foglio e come premio per noi a fine giornata ci sono tutti gli origami in sovrappiù lasciati dai ragazzi. Possiamo riarredare la casa con soprammobili di carta.

Ora è iniziata la terza settimana e abbiamo fatto tesoro di quanto imparato: sempre in coppia a Ocnele, spezzettare le attività, preparare gioconi all’aperto e come divertirsi con un pezzo di carta.

Keep on reading for the English version!

Continua a leggere

Benvenuti… Bine ați venit!

Benvenuti sul blog dei volontari SVE di BiR! Piano piano vi aggiorneremo su tutto ciò che vedremo e faremo nei prossimi 11 mesi in Romania.

Intanto ci presentiamo! Siamo Alice, Angela e Giordano, tre impavidi e simpatici volontari alle porte di un’esperienza a Râmnicu Vâlcea, cittadina situata a cavallo delle regioni di Oltenia e Muntenia. Se siete curiosi di scoprire com’è, cliccate qui!

In questo anno che ci aspetta collaboreremo con le Case del Sorriso, tenute dalla fondazione IPI – Inima Pentru Inima. Diventeremo un ponte tra la Romania e BiR, interagendo in prima persona e a stretto contatto con i bambini, i volontari e le istituzioni con cui le ragazze e i ragazzi di BiR fanno attività durante i campi invernali ed estivi.

La revedere! Stay tuned 😉

Alice, Angela e Giordano

Keep on reading for the English version!

Continua a leggere