Craciun Fericit!

Ieri abbiamo avuto lo spettacolo di Natale! Hanno partecipato tutti gli amici di IpI – educatori, volontari, ex-beneficiari e ovviamente le bambine e i bambini di entrambi i centri, le ragazze e i ragazzi degli appartamenti sociali! E’ stato bello trovarsi tutti in questo evento festoso, con anche un ospite d’eccezione… Babbo Natale! O meglio, Mos Craciun.

DSCN5894

Ma andiamo con ordine: nell’ultimo mese, insieme alle educatrici, abbiamo lavorato molto in vista del Natale. I bambini di Ocnele Mari e di Copacelu si sono sbizzarriti in disegni di alberi e renne, origami a forma di fiocco di neve, ghirlande costruite con i materiali più disparati, pacchetti regalo di ogni colore e chi più ne ha più ne metta, agghindando ogni angolo delle loro case. Abbiamo anche aiutato la scuola di Ocnele Mari per le decorazioni, conoscendo altri bambini della comunità che non avevamo avuto l’occasione di incontrare al centro diurno e addobbando con loro la sala multiuso della scuola.

DSCN5836

In vista dello spettacolo i bambini, insieme a noi e alle educatrici, hanno preparato scenette, canzoni (in rumeno, italiano e inglese) e balli, sia tradizionali che moderni. Il grande giorno, tutti vestiti a tema, dal più piccoletto di 3 anni, alle ragazze e ragazzi del liceo, hanno preso parte con entusiasmo. Persino noi tre siamo saliti sul palco, in veste di Babbo Natale, folletto e renna (indovinate chi è chi!), per recitare nello spettacolo ideato e scritto nelle ultime settimane insieme alle ragazze e i ragazzi degli appartamenti.

Oggi abbiamo a malincuore salutato tutti i bambini per un piccolo break invernale, giocando ancora un pomeriggio e ascoltando i racconti gioiosi di cosa avevano ricevuto da Babbo Natale (grazie alle donazioni di molti amici di IpI), e anche qualche commento divertito sulla nostra performance teatrale del giorno prima!

Salutiamo anche voi! E’ arrivato il momento di disintossicarci un po’ dalle canzoni di Natale romene. Ci risentiamo a gennaio… Serbatori fericite!

DSCN5885

Keep on reading for the English version!


Yesterday we had the Christmas show! All IpI’s friends took part – educators, volunteers, former beneficiaries, and of course the kids from both centers, and the girls and boys from the social apartments.It’s been wonderful getting all together for this celebration, also with a special guest… Santa Claus! Or, better, Mos Craciun.

But first things first:in the last month, together with the educators, we have worked a lot in anticipation of Christmas. The kids of Ocnele Mari and Copacelu had fun with drawings of Christmas trees and reindeers, origami shaped like snowflakes, wreaths made of various materials, colorful gifts, and much more, thus decorating every corner of their houses. We also helped Ocnele Mari school with their decorations, getting to know more children from the community that we didn’t have the chance to meet at the day center and adorning with them the multipurpose room of the school.

In view of the Christmas party, the kids, with us and the educators, had prepared skits, songs (in Romanian, Italian, and English), and dances, both traditional and modern. For the show, they all took part enthusiastically, all dressed up with theme costumes, from the youngest 3-year-old one, to the high school boys and girls. Even the three of us got on stage, dressed up as Santa Claus, an elf, and a reindeer (guess who was who?!), to act in the play invented and written in the last weeks with the girls and boys of the social apartments.

Today we had to say goodbye to all the kids before a short Winter break, spending the afternoon with them by playing and listening to the happy stories about what they received from Santa (thanks to the donations of IpI’s friends), and also some amused comment about our theatre performance from the previous day!

It’s time to say goodbye to you as well, and detox for a bit from all the Romanian Christmas songs… Serbatori fericite!

Fii voluntar… fii la moda!

Nelle ultime settimane, abbiamo cominciato anche ad “uscire” un po’ dai centri di Ocnele e Copacelu per incontrare altre realtà di Valcea e dintorni. Tra le altre cose, abbiamo avuto l’opportunità di conoscere una classe della scuola Mircea cel Batran.

10859567_4865282487846_1694799835_n

Nonostante fossimo rimasti last-minute senza video e presentazione power-point, nonostante il nostro rumeno stentato… è stato un successo! Abbiamo raccontato ai bambini cos’è per noi il volontariato, le nostre esperienze passate e presenti, da dove veniamo e cosa stiamo facendo qui. In cambio, abbiamo ricevuto domande su di noi sull’Italia, molti racconti e moltissime idee per mettersi in gioco e partecipare!

10841602_4865282567848_675410774_n

Abbiamo poi incontrato di nuovo alcuni di questi bambini che, insieme ad altri, si sono riuniti nel club di volontariato “IMPACT”, formando un gruppo davvero numeroso, coordinato dalle insegnanti Mirela e Malina. Abbiamo assistito alla loro riunione e – sorpresa! – abbiamo giocato con loro, prendendo parte sia a giochi di conoscenza che di team-building.

20141207_161411

Da entrambi questi incontri, siamo rimasti colpiti dall’entusiasmo dei bambini e di chi li accompagna, e siamo convinti che col tempo questo gruppo riuscirà a dare vita a diverse iniziative arricchenti sia per la comunità di Valcea, sia per i stessi bambini e ragazzini che vi prendono parte, imparando a valorizzare la potenzialità positiva delle proprie azioni sugli altri, sia come singoli che come gruppo.

IMG-20141211-WA0007

Intanto, il club IMPACT si sta già dando da fare, organizzando la magnifica idea dell’Autobuzul Mosului, con l’associazione “Initiative” e ad altri collaboratori provenienti da diverse realtà sparse per Ramnicu Valcea. Insieme, stanno raccogliendo ed impacchettando giocattoli, beni alimentari a lungo consumo, libri e capi di abbigliamento, da consegnare ai bambini in giro per la città che incontreranno l’Autobus di Babbo Natale il 22 dicembre!

10430478_318736108313124_7655047377689284916_n

Intanto anche noi ci stiamo dando da fare per il Natale, alla scuola di Ocnele Mari, ai centri e agli appartamenti sociali. La prossima domenica ci aspetta lo spettacolo di Craciun di IpI! Nei prossimi aggiornamenti, vi racconteremo come è andata e che cosa abbiamo combinato questo mese in attesa di questa festa finale, tra canti, decorazioni, scenette, feste e alberi di Natale!

Keep on reading for the English version! Continua a leggere

Novità da Vâlcea e dintorni

Eccoci con alcuni aggiornamenti dall’ultima settimana!

In base all’andamento del primo mese, abbiamo revisionato il nostro programma, cambiando un po’ i nostri turni e introducendo nuove attività.

D’ora in poi ogni martedì sera ci fermeremo nel centro di Ocnele Mari dopo che gli altri bambini del centro diurno sono andati a casa per passare un po’ più di tempo con le ragazze e i ragazzi ospitati nella Casa del Sorriso. Per il nostro primo incontro, abbiamo deciso di guardare un film e cenare insieme per iniziare a conoscerci meglio, ma non vediamo l’ora di fare attività più specifiche anche con loro – da attività di gruppo, a tematiche di educazione all’affettività – man mano che il nostro rapporto si consolida nel corso delle settimane.

SAMSUNG

Sia a Ocnele che a Copacelu abbiamo iniziato le attività in preparazione di Crăciun (Natale in Rumeno). Ogni anno IpI organizza infatti uno spettacolo di Natale a cui prendono parte i copii delle Case del Sorriso. Quest’anno, i bambini del centrul de zi di Ocnele Mari prepareranno uno spettacolo contenente scenette e canzoni tradizionali con l’aiuto delle educatrici Katy e Cristina, ma impareranno anche qualche canzone italiana ed inglese tipica delle festività. Abbiamo iniziato le attività di canto nel corso degli ultimi incontri, rimanendo piacevolmente stupiti dalla velocità con cui le bambine e i bambini hanno imparato i versi in italiano e si sono lanciati nel canto! Con i piccoletti di Copacelu invece cominceremo questa settimana balli e canti sia in italiano che in inglese, mentre in entrambi i centri ci sarà un pienone di lavoretti con fiocchi di neve, renne, Mos Crăciun e così via.

20141118_160058

A prendere parte alla recita natalizia saranno anche le otto ragazze e due ragazzi degli appartamenti sociali. Lunedì scorso abbiamo iniziato con loro una serie di incontri per mettere in scena insieme uno spettacolo teatrale originale e divertente. Nonostante siano tutti più o meno impegnati per via del liceo, siamo davvero rimasti travolti dal loro entusiasimo, la loro voglia di partecipare e mettersi in gioco. In un paio d’ore, oltre ad esserci divertiti un sacco, sono emerse tantissime idee, facendo nascere una storia particolare ma positiva, composta dai personaggi più eterogenei, che contiene il contributo e gli interessi di ognuno.

Al di là del tema natalizio, in risposta a un problema di aggressività tra i bambini di Copacelu, abbiamo iniziato una serie di attività, svolte in collaborazione con le educatrici del centro, che hanno come tema la violenza tra pari e continueranno nelle prossime settimane. Nel primo incontro è stato introdotto e spiegato cos’è la violenza, nelle sue forme sia fisiche che verbali, rapportandolo all’esperienza di ogni giorno dei bambini. Come attività più pratica è stato proposto un “treno delle emozioni”, nel quale ogni bambino può segnare giorno per giorno come si sente, imparando a essere più consapevole di quello che prova ed accettarlo anche nei suoi lati più “negativi” – come la tristezza o la rabbia -, imparando però a reagirvi senza danneggiare chi gli sta intorno. In vista di quest’attività, il riconoscimento e la comprensione delle emozioni proprie ed altrui era stato affrontato anche nei giorni precedenti attraverso canzoni, giochi, “mimo” e disegni. Ecco qua alcune delle opere d’arte emerse pensando alla felicità:

Copacelu

Per chiudere la settimana in bellezza siamo scappati da Vâlcea per andare a esplorare la capitale, Bucuresti! Fin dal nostro arrivo, le differenze con Vâlcea sono state evidenti: la quantità di persone per strada, l’architettura, i locali, il modo di vestire, la conoscenza dell’inglese, i prezzi (da quel punto di vista va meglio a noi!)… ci sembrava quasi di essere finiti in un altro Paese. Insieme ad altri volontari SVE “locali”, abbiamo esplorato la città sia prendendo parte a un “walking tour” per scoprire i luoghi principali collegati alla storia di Bucarest dal medioevo agli ultimi decenni, sia “visitando” alcuni locali della città.

1901138_10205264396955652_1503660281327755922_n

Keep on reading for the English version!
Continua a leggere