Food for thought

In my life so far, working has meant a lot of time behind a computer screen, researching, writing, creating – as those were my qualifications, and my job demanded just that. I loved it completely – I felt competent, I could solve most problems which came my way, and I imagined that was the future too. I was working for good causes, even from afar, being efficient, drafting reports and finding ways for improvement. While I know that gave me great fulfillment, I can’t help but think that there was something missing, something that pushed me to volunteering – which is how I found myself in BiR. Maybe something is missing from your life as well, and this could be a good practice of sorts.

Something specific, which changed when I came to BiR was the direct contact with a great number of people. Upon coming here, the first project I joined (which I still can’t quite imagine could work this well anywhere else) is Recup, in which we (volunteers) go to the daily pop-up markets in Milano as they are about to close, and we ask the vendors to donate any food, which might be on its way to going bad and which they believe they will not be able to sell, for the disadvantaged. We collect that food and redistribute it, mostly through setting shop of our own in the market, and sometimes by giving what is ultimately left to a food bank.

unnamed.jpg

What fascinates me about the markets, and about Recup as an idea, is how willing people are to participate in this endeavor – and especially how many vendors reach out to us! How open they are to directly help with whatever they can, and how useful that is to the people who come to take some of the produce we’ve collected.

What is important in Recup, I think, is the humanity of it, the relationships and the connections we make, the smiles and the genuine desire to be of any use, be that with a couple of tangerines or with a box full of good bananas, with the end result being the feeling of immense satisfaction, usefulness to the community and a tangible contribution. While the result is quick to see, it is also as fleeting as the expiration dates of the donated food, which makes the activity in a way, bitter-sweet – the people will still have daily issues with getting food, but we have helped at least a little.

unnamed (1).jpg

This work – on the field, fleeting, directly useful, is something which gives a completely different satisfaction. And since it is so easy on time-consumption – we don’t spend more than 2 hours a day doing it, I think it is also an activity, which more people could potentially start to work on in different places. After all, it is a good idea to get away from the routine and what we know we are good at, and reach out a hand to see how togetherness and empathy could improve people’s lives directly. The volunteers in Recup here are a very mixed crowd as well – some are unemployed, some are refugees, and some are taking time away from their studies or even their work to come for a bit.

I wonder how many activities, such as Recup, could also be incorporated almost seamlessly in our every-day lives. Even in a country unlike Italy (where the culture of volunteering is really well-developed), for example my home-country of Bulgaria, this could be a fairly easy way to jump-start it – having activities, which visibly help, while they demand just some time and the sense of community.

 

While working and excelling in our own fields, maybe we should also think about how we can complement that usefulness with these small acts of humanity, and improve both our own lives, and other people’s – if not with food specifically, then in the many other different ways others have thought of to create. Any ideas?

 

Raya, volunteer with BiR

My EVS Lessons

I still remember that first of November when I arrived in Milano, more than six months ago, a little bit confused, a little bit curious, a little bit of every feeling one can have when faced with a life-changing decision. I have tried so many times to sit down and start writing these lines, but, every time one question crossed my mind, how can I put into words the emotions my EVS made me feel? Because, as the months passed by, I have realized that this experience is not about facts or activities, but rather about all those inner things that touched my heart and made me become a better version of myself. It was a rainy, cloudy day when I arrived in Milano, but regardless, that day was the starting point of one of the sunniest and life-changing experiences of my life…

IMG_8033

Discovering Italy – Como

I have to admit, in the beginning, it was a language challenge, because even though I understood Italian, I couldn’t speak it. But thinking of it now, I know it was part of a process, a process of active learning, an experience that made me grow so fast in a short period of time, that motivated me to have patience and take things at their own pace. We leave in such a fast-paced world that we expect results to happen at a touch of a screen, many times we think that we are entitled to get something even before we get engaged in the actual process of achieving it. I think this was the first lesson my EVS taught me: have patience, take things piano, piano, don’t try to rush, learn to enjoy the process and, one day, when you less expect it, you will get where you want to be.

WhatsApp Image 2018-05-03 at 11.23.36 (1)

The best experiences are shared

In the end, all good things worth waiting for take time… And the most beautiful part is that every time someone was there: a tutor, a volunteer, a staff member, another EVS colleague, or simply a friend. Someone was there when my Italian was rusty, because as I have tried to have patience with my learning process, they have also had patience with me, they opened their arms and warmly welcomed me in their big family. They did not give me a set of rules and strict indications of how to instead they gave me the freedom to explore and discover, they let me be myself, they trusted me, sometimes even more than I did myself, they let me sculpt my own wings and step by step they let me fly and choose which way to go. And, undoubtedly, this is the second lesson my EVS taught me: trust people, love them, help them grow, because as Maya Angelou once said “When you learn, teach, when you get, give”.

WhatsApp Image 2018-05-03 at 11.23.37

Colori e sorrisi

And at the same time that I have started growing I have also started giving, but the power of volunteering stands in that the small things you give to someone will come back to you augmented. And you can give so little as cutting a heart-shape from a piece of pink paper while a six years old waits to glue it on their drawing or solving a complicated math operation that one kid received as homework, or teaching someone how to use a photo camera, or just your ideas and initiatives or just your presence and active listening or sometimes, simply, just your smile. My EVS is about all these instances that I carefully gather and keep them in the album of my life, my EVS is about being human, being strong and vulnerable, being an adult and a child, smiling and crying, learning and teaching, my EVS is everything that I am. And, to go further with the lessons my EVS taught me is to know that you are valuable, that your actions count, being as small as they are, that, there will come a moment in life when all those skills and competences you once acquired could be of help.

whatsapp-image-2018-05-01-at-20-32-05.jpeg

Enjoying the Italian sun

Not so long ago I had my mid-term evaluation, one of the two compulsory trainings for each volunteer engaged in the EVS program. During this formation we approached a concept called the Hero’s Journey, which is a diagram with different steps that shows the transformation process one experiences when he takes the decision to get out of his comfort zone and step from the Ordinary Realm to the Extraordinary Realm. And now my Extraordinary Realm is BIR, a place that in the beginning was unclear but which now is plenty of treasures. A magical place that taught me that you are not alone, that despite all the unambiguity and uncertainty of the ordinary, real world we live in, when people are guided by the same values, they will find a way to change something for the better. And change doesn’t always have to be big to be meaningful, change can be cumulative, change can start small and increase gradually, but change should never stop. That is why I know that my extraordinary world started with BIR will go on with me forever, because EVS and volunteering as a whole is not a position, is not a project, is a way of living.

 

Iulia Starcu, EVS Volunteer with BIR

 

 

Non è mai troppo tardi per imparare

Avete presente la nuova collezione autunno/inverno di Moschino? Ecco, questo post parla di tutt’altro. Non mi dilungherò troppo, come mi è solito fare, perché cercare di raccontare dettagliatamente 5 mesi di SVE a Bucarest è pressoché impossibile o comunque sarebbe un’impresa da medaglia d’oro alle Olimpiadi. Perciò opterò per un modo alternativo di raccontarti (non è una minaccia, tranquillo, ma mi rivolgo a te, caro lettore che stai dall’altra parte dello schermo) la mia esperienza da volontario che, ci tengo a dirlo, è quasi arrivata al giro di boa.

Potrei parlarti di “ciorbe”, di “mici” (che non sono i nostri gatti), di Florin Salam o di quanto è bello pagare una birra – dipende dalla marca – a poco più di un’euro. Se vi dovessero interessare queste cose, ecco, contattatemi in privato e vi racconterò aneddoti e sensazioni.

IMG_20180115_150737

L’inquietante parco giochi che sta di fronte casa 

Preferisco parlarvi di collaborazione, dialogo solidarietà, rispetto, partecipazione, scambio, riconoscenza, impegno, reciprocità e confronto: sono concetti che non si imparano sui libri di scuola, ma si apprendono sporcandosi le mani sul campo, grondando di sudore, e stando a stretto contatto con le persone. Questo, ci tengo a dirlo, è il risultato più bello ottenuto sinora. Ah, le “persone” con cui ho a che fare sono una quindicina di nanerottoli con un’età compresa fra i 6 e i 12 anni e che provengono da situazioni familiari difficili (non entro nel dettaglio perché non sarebbe utile per il messaggio che questo post vuole lasciarti). Il mio non è un LAVORO (non perché non abbia stipulato un contratto e non perché sia privo di remunerazione), odio questo termine, soprattutto in questi casi, perciò lo definirei “impegno”. I miei marmocchi (si, ormai sono diventati di mia proprietà – scherzo, ovviamente) frequentano il Centro Comunitario di Obor gestito da Carusel, la mia hosting association, per 3 volte a settimana, anche se va detto che loro, non avendo chiara la concezione del tempo e tanto meno dei giorni della settimana, confondono il lunedì con il giovedì e il martedì con il mercoledì, perciò è facile trovarli davanti la porta del centro anche in un’anonima mattinata del venerdì.

IMG_20180125_153944

Un fantastico ritratto 

Tramite educazione non formale, cerchiamo di insegnare loro le basi di rumeno, a partire da lettere e numeri. Fa strano vedere un bambino di 9 anni ancora titubante nello scrivere il proprio nome, e dietro questa forma di analfabetizzazione si celano diverse ragioni a cui tu, ora che mi stai leggendo, potresti trovare una risposta. Ah, che poi ad insegnare siamo proprio noi, volontari italiani, guidati dalla nostra coordinatrice Ana, insostituibile punto di riferimento per noi. Quindi, noi italiani insegniamo rumeno. Potrebbe essere “folle” come idea, ma proprio qua sta un altro aspetto fondamentale del nostro SVE: la reciprocità del rapporto, un dare e avere continuo che ti arricchisce quotidianamente. Ti faccio un esempio, così sono più chiaro: io insegno a scrivere correttamente la lettera A e loro mi suggeriscono qualche nuovo termine da aggiungere al mio lessico. Si tratta di un giusto compromesso, divenuto oramai fondamentale e prezioso per la mia, anzi nostra (faccio le veci anche di Fiorella, l’altra SVE) sopravvivenza qua a Bucarest che si protrarrà fino a ottobre. Sai, che nel tuo piccolo, stai facendo qualcosa di grande per qualcuno che finora non ne ha avuto la possibilità. E poi potrei raccontarti mille altre storie, ma se non le vivi da vicino certe cose non si possono spiegare. Di una cosa però sono certo: sono felice, soddisfatto e appagato.

Vorrei dirti un’ultima cosa: non avere paura di avere paure. Affrontale, combattile e sconfiggile. Così darai modo a te stesso di capire quanto vali.

Sergio (Volontario SVE a Bucarest)

Carcere

Una delle mie attività con l’Associazione BiR è di entrare in un carcere minorile e fare diverse attività educative e ricreative con i detenuti. Il carcere, in generale, è un luogo poco conosciuto e quindi incuriosisce. Dopo il mio primo giorno là, sono arrivata a casa e non riuscivo fare niente altro che scrivere (scrivo sempre qualche riga quando le emozioni che provo sono così forti che non posso esprimerle in un altro modo).
Sono contenta di condividere con voi la mia prima poesia scritta in italiano:

Abbiamo porte sbarrate27583701_1431832533594845_838627441_n
davanti ai grandi cuori aperti
come caverne platoniche dove le ombre
crescono spietatamente sui muri
e la luce si vede solo
negli occhi di altri…

Credete di essere liberi
ma vivete nelle prigioni mentali
e tagliate gli alberi per riuscire
a godervi una cena di natale
Predicate la luce senza conoscere il buio
e la giustizia senza sapere l’inferno.

Non vi giudichiamo,
vi compatiamo.
Scusateci se non possiamo
essere diplomatici come voi
in un mondo corrotto
S C E G L I A M O
di essere onesti!

(SVE BiR Iuliana Pasca)

Sunset in Milano

My first week of EVS in Milano

My first week of EVS in Milano

“How should I start?” is the first thought that comes to everyone’s mind when trying to express a cocktail of feelings, ideas and impressions. I guess this is why people say that the beginnings are always harder; and, honestly, I believed so, until my EVS experience with BIR and CN in Milano proved me that there can be beautifully easy beginnings!

Duomo di MilanoI arrived in Milano one week ago and I feel that “sono diventata una milanese”, as Liliana just told me this morning :). I know that this wouldn’t have been possible without the friendly approach and help of every single person I met here (from the maintanance man to the coordinator and the director of the association)! I acknoledge the fact that every experience is different and unique, but I am excited to share my first realities in the Città della Madonnina with everyone interested in having an idea about how it is to do an EVS in this city.

Once here, I’ve been welcomed by Bea, a friendly, talkative Romanian EVS volunteer (that helped a lot with my quick integration) and been guided to my NEW flat, where I was pleasently surprised to find a fully equipped appartment, completly new!! “How lovely, I am the first person going to live in this place!” I exclaimed and I just couldn’t wait for Monday morning to get to know what my activities will be and to meet the rest of the people!

23030897_1342259522552147_1856575795_o

Monday arrived and so did my first impression on the community in which I will spend the following 7 months; impression that raises also a question: “Is it in the Italian culture or just the people in this association that take everything “con calma”?! I need to admit that, until now, I thought that Italians are those kind of humans that will rise 3 fingers and say: “ma che…” 🙂 So, con calma, I started to learn and get introduced to the groups of the association, meeting new people every couple minutes.

Morning bike rideNext day started with a morning bike ride, when my tutor, Sophia, took me to the Agenzia per le entrate, where I realized that the Italian bureaucracy is similar to the one in Romania (so no surprises here), I observed many people beeing turned around, but I was lucky that Serena, the coordinator, had prepared all my necessary documents, so we solved our matter in no time and returned to the office for a tasty lunch.

The following days were, again, a sweet cocktail of work and fun! I took part in my first activity for promoting EVS and Erasmus+ programs in a high-school of unique architecture; I rekon was constructed during the fascist period. I was surprised by the high interest that Italian teenagers developed in doing volunteering in another country or participating in Erasmus+ programs. Ten years ago, when I was in high-school, I barely heard of Erasmus activities. This means that the above mentioned projects grew significantly in the last 10 years, which is, of course, of great benefit for all the parties involved in this type of work.Liceo Virgilio

The end of the week was quite full and entertaining, I went with Vale, the representative of the group Testicom, to meet all of the other volunteers and I was so excited to receive a symbolic gift (a quatrain of Petrarca, representative for my experience that has just began) from the volunteers of the earlier period. Later that evening, we were invited (me and Bea) to a concert in a cosy bar, where we enjoyed the lively atmosphere of Milano and the great voice of Bianca, a milanese singer. Petrarca quote

Hope you enjoyed reading a part of my “diary to be”, that describes my first week of EVS in Milano. I would be happy to get any feedback from you and I promise I will keep you updated! I can’t wait for the next days to come!

(Romanian EVS in Milano, Iuliana P.)

First steps to change

svebirphoto

I’ve been taught to value experience. That’s the main thing that brought me here today, in this country that I’m beginning to  discover more and more, everyday, within this culture which I’m getting to love more and more, with these people who I’m getting to know, to understand, to cherish. 

My EVS experience started two months and a half ago.  I came here expecting to meet new people, to learn a new language, to get to know the Italian culture and also do what I already knew I liked doing: teach and work with children. For the first time in my life I didn’t make too many expectations. That’s probably because I was aware it was a big  change for me. Leaving home, my friends, my family  for so long, I knew there were going to be some challenges and I didn’t want to make my staying here more complicated by setting high expectations. Now, after almost three months here I can honestly say that I couldn’t even had thought about how much I would get to grow here, about how much I would get to discover and rediscover myself, about how this whole experience, the people I met, the work I do and the places I’ve seen have changed me.

To be honest, I am a person who tends to overanalyze everything and this is just what I did for the first few months here. I did manage to answer some questions I had, I did manage to identify some changes but, the moment I got to see the big picture was the moment I went back to my country. Turns out, I had to take a few steps back to have a better perspective on what my life looks like now. This month I had to go back for a few days to my country, Romania. As the plane was taking off from Milan, I had a flashback of the day I arrived here. I remembered how it felt. I felt  terrified. Anxious, but terrified. These few hours I spent  traveling from Milan to Bucharest  were by far one of the most awakening moments I have had since my coming here. I got to see and  understand the change that I had gone through. I  realized that I became more  confident and most important for me, that I had gotten to be more accepting towards the uncertainty of the future. To make it more simple, I got to be more easygoing. Not in a way that I don’t care about what’s going on around me , but in a way that I accept the fact that some things in life cannot be controlled or influenced. In a way that made me remind myself why I got here in the first place: to experience.

Until next time!

B ( Romanian EVS in Milan)

                                                  

Sensazioni e riflessioni

È passato più di mezzo anno dal mio arrivo in Romania e questa nazione che mi sembrava tanto estranea ora me la sento sempre più mia. A volte mi capita di pensare con un po’ di nostalgia alla famiglia e a tutte le persone che mi vogliono bene, ma ecco che l’energia e l’allegria dei bambini improvvisamente prendono il sopravvento dandomi la sensazione di trovarmi in una seconda casa. Impossibile non rimanere colpiti dalla loro capacità di rendere l’ordinario straordinario. I loro volti poi, sempre così sorridenti, hanno un potere magico: quello di mettere da parte tutti i pensieri per lasciare spazio solo alle emozioni, quelle più belle e più vere.

Giorno dopo giorno mi sto rendendo conto con piacere che quest’esperienza sta assumendo forme e dimensioni sempre più facili da definire. Mi scuso fin da subito se a qualcuno potrei sembrare banale e didascalico, ma prima di raccontare le sensazioni che ho provato, mi sembra avere più senso parlare del tipo di volontariato che sto svolgendo.

Lo SVE (servizio volontario europeo) è un’azione del programma Erasmus Plus (programma di mobilità internazionale promosso dall’unione europea), che permette ai giovani di esprimere il loro impegno personale attraverso il servizio volontario. È basato sui seguenti principi fondamentali: offrire un nuovo tipo di esperienza di apprendimento ai giovani, contribuire attivamente e in modo concreto allo sviluppo locale attraverso un impegno a tempo pieno, contribuire alla costruzione di una consapevolezza europea attraverso un contatto diretto con la comunità locale ospitante, partecipazione gratuita al programma per i volontari, favorire l’accessibilità di tutti ed in particolare modo a giovani con minori opportunità. Propone progetti che variano in diversi settori, tra i quali cultura, gioventù, sport, assistenza sociale per anziani, disabili ed immigrati, arte, media e comunicazione, protezione ed educazione ambientale, sviluppo rurale e cooperazione allo sviluppo.

Offrire le stesse occasioni indistintamente è sicuramente uno dei principi che lo contraddistingue maggiormente. Lo SVE vuole infatti dare a ciascuno la possibilità di crescere e di sentirsi utile sostenendo lo sviluppo delle comunità locali. Altrettanto importanti sono la sua dimensione interculturale e il suo approccio non-formale, in quanto lo rendono un’ottima opportunità per entrare in contatto con culture diverse, e acquisire così nuove competenze e capacità utili alla propria crescita personale. Sviluppare un senso di tolleranza e solidarietà è il primo passo per ottenere dei miglioramenti ed è particolarmente importante tenerlo a mente, soprattutto in un epoca come la nostra in cui il fenomeno dell’immigrazione ci sta mostrando quanto è “sviluppato” il nostro senso di umanità. Uguaglianza ed unità nella diversità: questi sono gli ingredienti fondamentali per risolvere quella brutta piaga che è la discriminazione razziale. Io stesso mi rendo conto con soddisfazione di avere meno pregiudizi: sento che questa esperienza mi sta aiutando a conoscere più a fondo le dinamiche del mio pensiero e a capire che in contesti diversi l’uomo ha optato per diverse strategie di sopravvivenza, portando a quella diversità culturale che è la causa, insieme alla biodiversità, del fascino e della ricchezza del pianeta Terra. Come si può facilmente immaginare, quando si è in compagnia di amici mossi da uno spirito altruistico e dalla voglia di divertirsi diventa molto facile non solo andare oltre le barriere linguistiche e culturali, ma imparare ad apprezzarle nelle loro differenze. Nonostante ciò, la mia opinione riguardo lo SVE non è del tutto positiva, o almeno, non come speravo che fosse quando decisi di cogliere al volo questa opportunità.

Non è facile da parte mia criticare un programma che mi sta aiutando a crescere, tuttavia, con la speranza che le mie opinioni vengano viste come una semplice condivisione di esperienze, spiegherò il motivo della mia parziale delusione.

Riconosco che so poco o niente dell’ideazione e della gestione dei progetti sociali, ma posso dire che quest’esperienza mi sta insegnando a capire quanto sia importante assicurarsi di seguire l’aiuto che si sta dando in ogni sua fase di realizzazione. Dico questo perché ho notato diversi aspetti ambigui e contraddittori che impediscono di raggiungere parte degli obbiettivi prestabiliti, tra i quali la selezione dei volontari e la poca serietà di diverse associazioni che aderiscono al programma. Come ho già detto, la particolarità dello SVE è che ai volontari non richiede particolari qualifiche, titoli di studio o esperienze specifiche. Questo è un aspetto che mi ha particolarmente colpito. In una realtà difficile come la nostra, dove le discriminazioni e le difficoltà economiche aggravano l’integrazione sociale e lavorativa di stranieri e studenti, permettere ai giovani di migliorare e acquisire competenze a vantaggio del loro sviluppo personale e professionale può rivelarsi davvero utile. È un aspetto lodevole, soprattutto al giorno d’oggi. Con un’etica che esalta l’individuo nella sua unicità e che lo esorta ad una sfrenata competitività, la nostra è una società che ci costringe a vivere col timore di non riuscire a primareggiare su tutto, con l’ansia costante di venire superati da qualcuno più bravo di noi e lo SVE, non pregiudicando nessuno, offre quelle possibilità che pensavamo non ci fossero concesse. Tuttavia ci sono aspetti che potrebbero essere migliorati. Mi riferisco a ciò che può fare la direzione generale dell’istruzione e della cultura. Per concretizzare l’aiuto che si sta dando nell’effettivo raggiungimento del suo scopo perseguito, chiunque abbia un ruolo di particolare rilevanza dovrebbe seguire meglio i progetti che propone, verificando la corrispondenza tra intenzioni e realizzazioni, e ovviamente assicurarsi che le associazioni rispettino i criteri prestabiliti. Non ha senso avviare tanti progetti senza disporre di un valido personale che si occupi di sostenere le attività svolte. Inoltre, se le selezioni venissero fatte non prendendo in considerazione la velocità della domanda di richiesta ma le basi etico-morali dei candidati, sono sicuro che l’aiuto sarebbe decisamente maggiore. In questo caso i volontari che sfruttano il servizio di volontariato pensando solo ai propri interessi (e ho conosciuto persone che ne vanno pure orgogliose) cesserebbero di rappresentare un problema per gli altri. Ma non è così. A prova di quello che sto dicendo, mi torna in mente un interessante articolo che ho letto sul sito ‘Antenne di Pace’ che riguarda le motivazioni e le caratteristiche dei giovani che scelgono di fare domanda nel Servizio Civile. I dati raccolti dall’indagine, svoltasi recentemente, sembrano volerci dire che una delle conclusioni più sensate a cui si può giungere è che il servizio civile si avvicina sempre di più al mondo del lavoro, perdendo così gradualmente il suo legame con le sue radici storiche e valoriali. È quello che sto sperimentando pure io facendo lo SVE. In questo mezzo anno ho partecipato a tanti incontri, feste e meeting che mi hanno permesso di conoscere e relazionarmi con volontari provenienti da diverse nazionalità e mi ha sorpreso sentire da molti di loro che le associazioni che li ospitano si disinteressano di coinvolgerli nelle attività, sempre se vengono svolte.

Penso che non essendoci un’intesa etica e dei valori morali abbastanza forti da far sentire le associazioni parte fondamentale del progetto, si ha come conseguenza l’iscrizione di un gran numero di volontari che tendono a usare questo servizio niente più che per fini turistici. Alcuni sono contenti e colgono l’occasione solo per divertirsi, altri, quelli più sensibili, si sentono inutili e ci soffrono. Quando seppi ciò, mi sorpresi e mi infastidii. Ora, guardando alla situazione in una prospettiva più ampia, mi rendo conto che c’è ben poco di cui sorprendersi. Le associazioni, essendo finanziate dalla comunità europea per sostenere il progetto, non hanno molte aspettative dai volontari. Quel rigido rapporto tra dipendete e datore di lavoro legato alla necessità di denaro (che tutti noi sfortunatamente conosciamo bene) qui non c’è, ma al suo posto si presenta un altro problema: non ci sono più figure guida. Capisco che lo SVE è un’esperienza di volontariato temporanea e non una scelta di vita e che quindi non avrebbe senso permettere che i rigidi rapporti che regnano nel mondo economico facciano da protagonisti anche in questa realtà, ma il legame tra gli enti della comunità europea e le associazioni, così come quello tra le associazioni e i volontari, se non viene regolato dal profitto individuale dovrebbe esserlo dall’intenzione di raggiungere uno scopo in comune.

In tutto questo in che situazione mi trovo? Io mi sento appartenere a quella piccola parte di volontari fortunati che si sono imbarcati in questa esperienza buttandosi ciecamente, con sprovvedutezza ma anche con coraggio e determinazione. Anche se le difficoltà sono sempre alle porte, sto avendo tanta soddisfazione nello svolgere le attività con i bambini. I ricordi dei campi estivi poi sono qualcosa di veramente eccezionale, specialmente quelli con nella struttura ospedaliera del Don Orione di Bucarest. Con quanta tenerezza li conservo! Quei momenti sono stati così magici da avermi liberato completamente la mente, così unici da avermi fatto temere di non poterli rivivere, così forti da essere rimasti impressi indelebilmente nel profondo del cuore. “Nessuno stato d’animo si può mantenere del tutto inalterato nello scorrere delle ore”. Quant’è vera questa frase! Circondato da sguardi assenti, da urla e movimenti improvvisi, da lamentii di sottofondo, da odori pungenti, ma allo stesso tempo anche da occhi innocenti, da sorrisi spontanei e sinceri, da dolci bacetti, da tenere carezze, da calorosi abbracci e da tante tante coccole, tra quelle mura mi sono sentito sommerso da una moltitudine di emozioni differenti che si accavallavano, così forti e così contrastanti da rimanere intontito ogni volta che ci penso. Ho odiato la vita per la sua ingiusta sofferenza e le sue schifose contraddizioni, ma l’ho anche amata, imparando a conoscere il vero valore dell’umiltà, della bontà e dell’amore.

Sono molto soddisfatto di quello che sto facendo e sono contento delle associazioni che mi stanno seguendo. Confesso che le lamentele e il potenziale sprecato che ho visto, vuoi perché alcuni volontari la vedono come una semplice vacanza, vuoi invece perché ad altri non viene data l’occasione di fare, mi rattristano. Tuttavia, sono sicuro che i bei ricordi e le belle persone che ho conosciuto mi daranno la forza per superare ogni difficoltà.

Marco B. – Volontario a Râmnicu Vâlcea

img_20161004_185206

 

Bambini in Romania, terremoti di vita.

 

Bambini in Romania, bambini che si infilano negli gli interstizi più stretti dell’anima e non ti lasciano più. Bambini che spuntano come folletti tra i miei pensieri mentre corro di qua e di là, dietro alle mie faccende, nel congegno esterno della vita. Bambini che mi fanno voglia di salire di corsa le scale dei palazzi più alti di Milano e gridare a squarciagola per arrivare nei cortili dove ora stanno scorrazzando con i loro giocattoli fantasiosi, nel tram che hanno rumorosamente preso per arrivare chissà dove e combinare chissà quale pasticcio, sotto al gazebo verde di Costanza per ritrovare la ciabattina (papuc) rosa che Evelina è solita smarrire, e vederla saltare briosa, ancor più su. Bambini che mi fanno tornare a Bucarest per risentire il ciglio delle scale di legno impolverate che scendevo di corsa per buttarmi tra le strade brulicanti di gente accaldata, e prendere ancora una volta il trolley-bus 66 per arrivare a Obor. Chiudo gli occhi e cammino verso il centro diurno. Sento l’odore seducente dei covrigi all’angolo e vedo con chiarezza i pistilli e le foglie a cuore, dipinte di un verde fresco, che ondeggiando al vento tra i rami del tiglio di fronte alla porta bianca del centro. Sento la vivacità delle manine senza orologio che bussano alla porta d’ingresso. Vedo nasini schiacciati contro il vetro e un paio di occhietti neri vispi, incastonati tra una frangia lunga lunga, che sbirciano tra le tapparelle e mi catturano all’istante. Mi riempio dei loro abbracci stritolanti, mi scaldo con i loro sorrisi sgangherati. Vedo le loro manine di Nicolas frugare nella scatola dei pennarelli, vedo Roberta mangiare la colla e Tita che con un magico fiiiuuu vuol far volare lontano il suo aeroplanino, ma poi se lo ritrova proprio sotto il naso; vedo Ana nella sua tutina fucsia, tutta concentrata a ritagliare la sagoma della sua mano e, accanto a lei, vedo Adi che mi sorride e colora un prestampato. Sento il lamentio furbetto di Rita, a cui non basta mai una sola bustina di zucchero nel tè caldo. Sento che mi manca prenderla in giro quando fa i capricci, e scorgerla mentre inclina la testa a destra, cambiando espressione in un baleno. Vedo arrivare Alexia, con la sua tipica postura a pancia in fuori, avvolta nella sua pelliccietta, tutta fiera e sento il gusto inconfondibile della sua risata colorata. Assieme a lei c’è Roberto, suo fratello, con i suoi capelli lisci e neri che avvolgono una testolina vivace e curiosa. Li vedo in mezzo allo stanzone, tutti assieme, mentre affondano impazientemente le mani nel sacchetto pieno di terriccio, e vedo i residui di terra infilarsi sotto le loro unghiette in un battibaleno. Li ricordo mentre si occupano diligenti dell’annaffiatura delle piantine, e vedo crescere il prezzemolo di Gentiana che ormai è partita per la Francia, ma è presente più che mai. Serbo vivido il ricordo del giorno più colorato di sempre, il giorno in cui abbiamo deciso di mettere da parte i pennelli e usare naso, mento e gomiti per dipingere le emozioni. Mi manca trovare i rimasugli di tempera sui vestiti e nei posti più improbabili, ma rammento i colori tra i capelli di Nicu, Flori e China, quel giorno in cui ci siamo messi a costruire la casetta di cartone gialla con le imposte rosse, la casetta che è poi diventata il rifugio segreto dei più piccoli. Peccato solo sia crollata dopo qualche settimana dall’inaugurazione. Sorrido mentre penso al periodo in cui Nicu e Flori, animati da un’insolita passione per le sopracciglia, non esitavano mai a porre domande bizzarre alle altre volontarie che passavano a trovarci al centro. Sfoglio le tante istantanee dei miei sei mesi a Bucarest e scorgo ancora Nicu e Flori al grande mercato di Obor, il mercato più grande di Bucarest. Li osservo camminare in mezzo alla folla e sento chiaramente il nostro pallone da basket rimbalzare tra le signore intente a selezionare con cura gli ortaggi da portare in tavola. Poi vedo Nicu, né grande né piccolo, sorridere imbarazzato di fronte alla bancarella delle mille apprensioni di sua mamma. Poco più in là intravedo il ragazzo greco e i misteri intrufolati tra le sue mille spezie. Flori, ormai più grande che piccola, adorava curiosare nella vita sentimentale di tutti e non esitava ad esortare Gentiana (che secondo i suoi canoni era già vecchia perché ormai all’alba dei trent’anni) a metter su famiglia con il misterioso ragazzo delle spezie. A Flori piacevano molto i jeans strappati e le magliette luccicanti e mangiava anche gli spinaci. Nicu, invece, quando arrivava al centro all’ora di pranzo, chiedeva subito le pagnotte cosparse di semi di papavero, quelle più rare. Sento, come se fossi ancora lì, la conviviale allegria strampalata dei pranzi al centro, dove grandi e piccoli stavano tutti seduti su piccoli sgabelli blu e dove Gogu chiedeva sempre la pasta dolce al latte per dessert, il suo dolce preferito che non arrivava mai. L’allegra convivialità che poi la sera si trasferiva attorno al tavolino quadrato, su al quarto piano di Tudor Arghezi, un tavolino che racchiude storie e risate in ogni sua fibra. Storie mie e storie di Bea, mia fedele compagna di SVE, coinquilina (nonché abile cuoca di pollo al curry e mozzarella in carrozza), amica. Storie che generano terremoti di emozioni quando, ormai a un mese dalla fine del nostro percorso da volontarie SVE, ci ritroviamo a perderci in un abbraccio e a capire che il ricordo dal sapore agrodolce di questi sei mesi assieme vivrà sempre forte e pimpante.

Grazie Bir, grazie Carusel, grazie Bea.

 

Claudia, volontaria SVE a Bucarest.

Il mondo può sembrare caotico, ma la felicità è dietro l’angolo

Come accade a tutti quelli che, stanchi di non riuscire a trovare un senso in ciò che fanno, decidono di dare una svolta alla propria vita, anche a me è successo qualcosa di simile. Sono arrivato da circa un mese qui a Râmnicu Vâlcea e quando la mia amica volontaria mi ha chiesto se volessi scrivere qualcosa di mio su questo blog, mi sono sentito piuttosto agitato. Non ne capivo il motivo e inizialmente pensavo fosse perché tendo a bisticciare con l’italiano, poi, riflettendoci meglio, ho scoperto il perché di tanta insicurezza. Non mi sentivo pronto perché temevo di risvegliare quelle emozioni tanto contrastanti che avevo provato a casa diversi mesi fa, quando, desideroso di trovare una maggiore stabilità, leggevo con tanto interesse le esperienze di volontariato. Queste riflessioni tanto belle sull’importanza degli interventi umanitari e su come cambiare la propria vita, migliorando quella degli altri per me rimanevano un’enigma: se da un lato queste letture mi aiutavano, facendomi pensare alle tante belle persone che si mettono in gioco per conoscere e imparare a conoscersi, dall’altro, preso dall’ansia di non poter sentirmi in qualche modo utile al prossimo mi scoraggiavano. Ora scrivo con piacere che queste preoccupazioni le sento diventare sempre più piccole. In particolare, il merito di questa mia piccola grande vittoria lo devo ai bambini della casa-famiglia di Copacelu i quali provengono tutti da situazioni di fragilità per scarsità di risorse economiche, dei genitori o per abbandono ma, nonostante ciò, hanno una tale energia da farmi sentire in colpa per tutte quelle volte in cui non sono stato in grado di vivere serenamente. È una forza speciale e contagiosa la loro, un’energia alla quale non si può rimanere indifferenti. Anche i bambini dell’asilo, con la loro innocente curiosità mi stanno dando tanto calore e tanta voglia di continuare a fare quello che sto facendo.

Non so dove mi porterà questa esperienza…so però di aver preso la decisione giusta perché il contatto con le persone con le quali condivido le stesse esperienze mi aiuterà a crescere dal punto di vista umano e personale.

Marco B. – Sve a Vâlcea

 

A Bucarest è di nuovo primavera

E’ già metà aprile, 11 mesi a Bucarest, quasi un anno di intrecciarsi di dita tra BiR e Carusel. Riconosco piano piano il paesaggio di quando sono atterrata l’anno scorso, il tepore e le fioriture delicate si fanno spazio tra le affollate strade di Bucarest.

Ripenso all’entusiasmo dei primi giorni che tanto mi aiutò a superare gli ostacoli degli improvvisi cambiamenti; ripenso alle prime persone incontrate, alle prime strette di mano, agli sguardi di curiosità. Ora invece osservo come e quanto si siano trasformate le relazioni con i membri dell’equipe, con i beneficiari e con le altre persone incontrate durante questo cammino.

Ricordo poi i momenti di stanchezza per giornate spesso troppo lunghe e per occhi troppo imploranti e sofferenti, la confusione del non avere mai la sicurezza di imboccare il sentiero migliore ad ogni bivio e, a volte, l’impotenza del non poter tornare indietro di qualche passo.

E così, inghiottita in un vortice di emozioni, sì è sempre fatta strada la volontà di prolungare qui la mia permanenza e continuare a tracciare, talvolta con incertezza e talvolta con disinvoltura, il mio sentierino in questa terra di contraddizioni.

Mi trovo ora a misurare le mie forze, a valutare quanto abbia scoperto e imparato, quanto abbia preso coscienza delle mie possibilità e dei miei limiti. Il tutto prende una forma sempre più definita come la plastilina tra le mani dei bambini del centro di Obor, le forme si modellano, i colori si accostano e si mischiano nel formare qualcosa di bello, soddisfacente, sempre in movimento e ricco di significati.

Da un mese eccomi nella cornice del progetto SVE che , in qualche modo, mi riporta l’entusiasmo e la curiosità dell’inizio di qualcosa di nuovo. Certo, il cammino è sempre lo stesso, ma forse con delle scarpe diverse e una compagna di avventura in più con la quale condividere i pensieri di ogni giornata e lanciarsi con divertimento.

Le attività proseguono e mi sento sempre più inclusa e coinvolta. A Caracuda (centro di riduzione del rischio per tossicodipendenti) trovo la mia dimensione e, con l’arrivo della bella stagione, è bello ritornare a chiacchierare ed ascoltare sistemando le sedie al sole. Al centro comunitario di Obor i bimbi sono sempre più numerosi e ci offrono quotidianamente soddisfazioni e sfide. I più piccoli ci divertono con la loro curiosità e ingenuità, i più grandi sanno sempre come strapparci un sorriso con le loro contraddizioni dovute ad un momento di crescita e cambiamenti improvvisi, alla scoperta di un corpo che si evolve ma che ancora ricerca il divertimento di un bambino.

Quindi si continua, si prosegue in questo percorso con curiosità, un pizzico di ambizione e talvolta con la voglia di fermare alcuni momenti per poterseli gustare di più o per avere l’occasione di comprendere meglio quello che succede.

 

 

Beatrice, volontaria SVE a Bucarest